Una serata di ordinaria follia

Una serata di ordinaria follia

Cosa è diventato quel luogo dove ci voleva il macete per entrarci?

25 Aprile 2017 primo intervento di pulizia

Oggi i cittadini di tutto il litorale Flegreo e molti anche da quartieri vicini, vengono a godersi il luogo senza spendere un centesimo. La posizione geografica del sito, al centro del golfo di Pozzuoli, offre un panorama incantevole che avevamo sotto casa e in molti, anche locali, non avevano mai potuto vedere e tantomeno accedervi.

 

L’ex asilo Vittorio E. III – Colonia marina Tommaso Astarita, da un anno ha iniziato pian piano a rivivere i suoi splendori e donare un luogo di aggregazione alla popolazione.

Giorno dopo giorno, il sito viene sempre più curato ed abbellito e i cittadini finalmente hanno un luogo comune per incontrarsi e socializzare. 

I primi interventi di pulizia furono fatti da associazioni e singoli volontari, oggi si è raggiunto un obbiettivo, la riconsegna del sito al popolo che lo presiede e che sta imparando ad amare il luogo e sentirlo proprio e condividerlo con gli altri. Azioni di pulizia e cura volontarie, tavoli e panchine in legno per l’uso comune, cura delle aiole con la ricrescita di tanti fiori, creazione di laboratori con la partecipazione di bambini, partecipazione delle scuole locali, cittadini che spontaneamente portano libri per una biblioteca comune, l’uso gratuito di giocattoli e bici, cura di un orto sociale e tante belle altre cose.

Il sito è stato recentemente oggetto di visita da parte del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, il Comune di Napoli è l’ente proprietario del bene. 

Il sito in crescita è ora un luogo stuzzicante per imprenditori e politici ed addirittura qualche persona si è già eretta ad Imperatore delle Monachelle. Ricordiamo a tutti che chi comanda è l’ente proprietario ed il popolo sovrano, al di la di associazioni o comitati, presiede il luogo.

Un commento su “Una serata di ordinaria follia”

  1. Speriamo che il nostro ottimo sindaco accolga la richiesta di quella mamma che per mancanza di assistenza speciale per suo figlio ha dovuto fargli rinunciare al campo scuola estivo, come lei tante mamme con figli speciali hanno bisogno di servizi e aiuti! Quello che ha svolto il comitato per i cittadini di Arcofelice è qualcosa per la quale dovrebbero essere le autorità a ringraziare ed anche la gente che adesso può godersi uno spazio così bello

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: