Azione repressiva contro gli abitanti delle Monachelle

Arco Felice, 27 Agosto 2020. Altra azione soffocante, senza logica e anticostituzionale di sgombero degli abitanti delle Monachelle, abbandonati dalle Istituzioni di Pozzuoli e Napoli, dalla società e dalla chiesa.

Uno spiegamento di forze per sgomberare dei poveri derelitti abbandonati dalla società. Soldi dei contribuenti spesi in questo modo?

Dalla pagina facebook del sindaco di Pozzuoli 26 Agosto 2020.

Dal Dipartimento epidemiologico dell’Asl Napoli 2 Nord sono arrivati i nuovi esiti dei tamponi: sono risultati positivi altri 4 nostri concittadini, collegati a rientri dall’estero. Si sta ricostruendo il loro link epidemiologico.❗Dobbiamo assumere comportamenti consapevoli che possano allontanare il rischio di contagio: 😷mascherina, ↔️distanziamento 🧴 lavaggio frequente delle mani.

Il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia raccomanda alla popolazione di assumere comportamenti consapevoli che possano allontanare il rischio di contagio covid-19 anche in virtù dei crescenti casi di positività a Pozzuoli e in tutta la Campania e da altro canto, con ordinanza n° 143 del 26/8/2020, cela lo sgombero di circa trenta persone che abitano lo stabile dell’ex asilo Vittorio E. III denominato Monachelle da oltre 15 anni per scaricarli tra le strade di Arco Felice.

L’ordinanza sembra sia tesa ad impedire una presenza di supervisione da parte della cittadinanza.

OGGETTO:INTERDIZIONE ASSOLUTA DALLE ORE 06:00 ALLE ORE 24:00 DEL GIORNO
27.08.2020 DI TUTTO IL TRATTO DELLA SPIAGGIA DI ARCO FELICE COMPRESA TRA LA
RADICE DEL PONTILE PRYSMIAN FINO AL CONFINE CON L’EX STABILIMENTO BALNEARE
“LIDO AUGUSTO” (LA PRESENTE ORDINANZA INTEGRA E SOSTITUISCE LA PRECEDENTE
ORDINANZA N.142 DEL 26.08.2020).

Senza alcun rispetto delle norme anticovid, l’amministrazione di Pozzuoli mette per strada circa trenta persone le quali, perdendo il tetto alle Monachelle, che in un certo qual modo erano circoscritti all’interno dello stabile, ora non avendo un luogo dove riparare, cercheranno rifugio alternativo sul territorio di Arco Felice o di qualche Comune confinante. Senza aver colpa, persone dimenticate da tutti, Curia compresa, Croce Rossa compresa, Assessorati alle Polite Sociali di Napoli e Pozzuoli compresi, saranno esposti a possibile contagio covid e a loro volta potenziali portatori. Come possono tali persone rispettare le distanze, indossare mascherina, lavarsi frequentemente le mani se vengono lasciati al loro destino senza l’aiuto di nessuno? Come si farà a ricostruire il loro link epidemiologico in caso di contagio?

Identiche domande vanno fatte anche al Dipartimento Epidemiologico dell’Asl Napoli 2 Nord

2 commenti su “Azione repressiva contro gli abitanti delle Monachelle”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: