Mente sapendo di mentire

Strano che nessuno abbia alzato la voce per dire in che circostanza di pericolo e alcuna igiene vivessero delle persone all’interno delle Monachelle. Cit. Vincenzo Figliolia.

Egr. Sindaco Vincenzo Figliolia, il nostro approccio con la Sua Amministrazione risale al 25 agosto 2017 con l’allora Dott.ssa Fiorella Zabatta, vice Sindaco del Comune di Pozzuoli. Queste furono le nostre parole rivolte agli stessi:

Bisogna gettare le basi per iniziare a costruire un progetto condiviso, innovativo, che sia in grado di abbracciare tutti, riposizionando i cittadini al centro della vita  sociale. 

E successivamente, il giorno dopo, il 26 Agosto 2017 con altro rappresentante della Sua Amministrazione, Dott. Roberto Gerundo per il Demanio.

Con gli stessi, persone gentilissime, iniziammo un dialogo e si progettarono perfino possibili tavoli di lavoro con l’Amministrazione di Pozzuoli, tanto è che fummo convocati presso la sede del Comune di Pozzuoli il giorno 11 Settembre 2017. In quella sede si discusse di iniziare una riqualificazione delle aree esterne e della linea di costa. Ricevemmo anche un aiuto dalla Dott.ssa F. Zabatta durante il mese di Agosto 2017, con l’invio di mezzi per portare via le tonnellate di spazzatura esistenti da moltissimi anni e delle quali Lei non si era mai interessato, nonostante i Vostri cittadini frequentassero il luogo per andare al mare.

In merito alla presenza di persone all’interno dello stabile si è sempre discusso, l’Amministrazione tutta, la Sua, sapeva di tale presenza ma ha sempre preferito ignorare il problema.

Abbiamo sempre fatto presente delle condizioni poco dignitose nelle quali erano costrette a vivere questi esseri umani e chiedemmo anche, a Lei ed alla sua Amministrazione, una fontana pubblica alla quale potessero accedere sia gli abitanti delle Monachelle che i fruitori, Suoi cittadini, delle due spiagge libere. Legga QUI

L’Amministrazione di Pozzuoli è stata allertata anche per difficoltà di transito pedonale per accedere alle spiagge libere e nulla ha mai fatto, per il sottopasso ci transitano i Suoi cittadini e Lei che amministra una città non può lavarsene le mani. Fa nulla ci pensano i cittadini attivi che amano la propria città, al di la del colore politico dell’Amministratore. Legga QUI.

In merito al degrado nel quale vivevano i sfd abbiamo sempre denunciato la pietosa situazione ed evidenziato sempre la pericolosità di possibili focolai infettivi in seguito alla presenza di tonnellate di rifiuti. Un buon Amministratore doveva preoccuparsi di tutelare la salute dei suoi cittadini al di la di chi fosse la proprietà già da oltre 15 anni e non aspettare i volontari cittadini che glielo ricordassero dal 25 Aprile 2017. Legga QUI

E legga anche QUI.

Troppe parole, pochi fatti …..
Noi cittadini attivi ci siamo incontrati ed assieme abbiamo iniziato a fare i fatti. Legga QUI.

E’ stato Lei a non volersi mai incontrare. E pensi che l’acqua non si nega a nessuno.

E legga anche QUI.

Quando abbiamo chiesto alla Sua Amministrazione la fontana pubblica, anche per i Suoi cittadini, cosa ci avete risposto? Legga QUI.

Quando i Suoi Amministratori passavano su Via R. Annecchino, arrivati all’altezza delle Monachelle diventavano ciechi. Legga QUI.

Sono sempre più convinto che Lei è rimasto amareggiato e quindi ancora più ostile verso la cittadinanza attiva per una disputa con l’Amministrazione di Napoli. Legga QUI.

Lei è rimasto immobile nella preistoria. Legga QUI.

Abbiamo sempre denunciato le cose che non andavano, Lei ci ha sempre cacciati via. Legga QUI.

La presenza dei sfd e delle situazioni nelle quali vivevano, era ben nota alla Sua Amministrazione, ma essendo invisibili nessuno li vedeva. Legga QUI.

Volevamo dare voce a chi non ha voce. Senza i blindati, cercando di capire e risolvere il problema. Lei cosa ha fatto durante i Suoi mandati? Legga QUI.

E legga anche QUI.

Situazioni nel tempo sempre evidenziate e non mi dica che Lei, quale Amministratore della città non le sapeva. Legga QUI.

Abbiamo cercato di dare dignità a queste persone, non come Lei usando la forza contro, ma con amore. Legga QUI.

Anche uno sportello ascolto abbiamo iniziato, i primi ad essere ascoltati sono stati proprio alcuni abitanti delle Monachelle, cosa che forse avrebbe dovuto fare il Suo Assessorato alle Politiche Sociali. Come mai non l’ha mai fatto? Legga QUI.

Fino allo sfinimento abbiamo evidenziato il degrado…. Lei dove era? Legga QUI.

E durante il periodo di blocco per Covid Lei dove era? Ha mai pensati ai sfd? Legga QUI.

Penso di sapere dove era, sguinzagliava i Vigili contro i cittadini attivi che fino all’ultimo tentavano di rimuovere le ultime cose dal chiostro, Lei solo il chiostro ha trovato da ripulire in questi giorni. La spiaggia l’abbiamo ripulita noi. Legga QUI.

E’ importante per noi quindi non delegare ad altri ma prendere consapevolezza che ciascuno di noi può attivare un processo di cambiamento sociale partendo da se stessi.

Solo partendo da noi stessi possiamo portare il cambiamento nel Sociale.

Distinti saluti Salvatore Mollo.

Per restare aggiornato sulla situazione, iscriviti e ricevi i nuovi articoli nella tua casella di posta elettronica.

Un commento su “Mente sapendo di mentire”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: