Orti Flegrei

Coltivare la terra sembra essere tornato di moda. Gran parte del merito di questo ritorno alle origini va a una serie di fenomeni che stanno aumentando la consapevolezza nei confronti dei benefici di una vita salutare e a contatto con la natura. Un ringraziamento particolare va al Dott. Bruno Brillante, Presidente dell’Ass. Fondi Rustici con il quale la Comunità Monachelle ha ri-avviato la coltivazione degli orti nati nel 2017.

Coltivare un orto, l’amore per la madre terra e per il cibo sano nella nostra comunità nasce da lontano.

Da BBC Italian Gardens

La riscoperta del valore della terra, la “chiamata alle zappe”, è partita da qualche giorno, seminare, piantare, zappare, condividere, insegnare ed imparare, nei nuovi orti urbani Sociali e Solidali.

Piantiamo i semi per una Nuova Umanità

I primi orti urbani nascono nel corso del XIX secolo. Verso la metà dell’’800, infatti, nascono i primi Kleingarten tedeschi, spazi riservati esclusivamente ai bambini. Ma è verso la fine dello stesso secolo che l’idea inizia stabilmente a diffondersi attraverso i Jardin Ovrieurs. Nati dall’attività del Monsignor Jules Lemire, politico e uomo di grande cultura, questi giardini operai avevano un duplice obiettivo: coltivare l’orto come possibile fonte di risorse economiche e alimentari, ma di considerarlo anche come forma di sviluppo e di arricchimento del rapporto famigliare. Infatti, il motto dei Jardin Ovrieurs era: “Il giardino è il mezzo, la famiglia è lo scopo”. 1https://www.biorfarm.com/orti-urbani/

Presso le aree verdi delle Monachelle, in Arco Felice Pozzuoli (NA), i primi orti urbani sono nati nel 2017. Un gruppo di persone, riqualificando un sito abbandonato, di proprietà del Comune di Napoli, nel territorio di Pozzuoli, crea una Comunità ed identifica, tra i giardini, la parte da poter destinare agli orti.

Oltre ad un’occasione di scambio culturale, aggregazione sociale e interazione, gli orti urbani condivisi alle Monachelle sono utilizzati anche come occasione di svago psico-fisico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: